23 Maggio 2021 16:00 | Stadio Comunale di Muravera Serie D (girone G) | Giornata 30
| Primo tempo: 1-0
Risultato Finale
Commento partita

MURAVERA: Vandelli, Visconti (10' st Virdis), Loi, Kujabi, Legal, Moi (48' st Lampis), Demartis (31' st Masia), Geroni (41' st Minerba), Nurchi, Pinna (44' st Kadi), Cadau. A disp. Floris, Figos, Mereu, Zedda. All. Francesco Loi.

CARBONIA: Bigotti, Russu, Fredrich, Isaia (23' st Mastino), Cestaro, Piras, Odianose (10' st Palombi), Tetteh (23' st Serra), Gjuci (36' st Soumare), Piredda, Cappai (44' st Stivaletta). A disp. Manis, Moro, Pischedda, Salvaterra. All. David Suazo

ARBITRO: Saverio Esposito di Ercolano

RETI: 42′ pt Gjuci, 13′ st Kujabi, 18′ st Virdis (rig), 35′ st Nurchi

NOTE: Espulso al 18' st Fredrich e 48' st Cestaro. Ammoniti: Kujabi, Piras, Cadau, Tetteh, Cestaro. Recupero: 2' + 4'.

Il Muravera si conferma prima squadra sarda battendo in rimonta il Carbonia e rosicchia altri due punti dalla zona playoff portandosi a -3 dalla Nocerina, e con una gara da recuperare, nella settimana in cui ci sarà lo scontro diretto ad Angri. La squadra di Loi spreca tanto, anche un calcio di rigore con Pinna e chiude sotto di un gol all'intervallo. Ad inizio ripresa i sulcitani sfiorano il raddoppio con Cappai e Gjuci ma devono inchinarsi alla progressione dei gialloblù a segno con Kujabi e Virdis su rigore nel giro di 5', il sigillo lo mette Nurchi con un meraviglioso gol dopo il palo colpito da Geroni. La squadra di Suazo chiude in nove la gara per le espulsioni di Fredrich, in occasione del penalty del sorpasso, e di Cestaro nel recupero. Di positivo per i biancoblù l'arrivo dell'aritmetica salvezza. La gara. Loi con le solite numerose assenze, ai box Vignati, Nuvoli, Pani, Satta e Angheleddu, spazio a Vandelli in porta, Visconti, Moi, Legal e Loi in difesa, Cadau, Geroni e Kalifa a centrocampo, Pinna, Nurchi e Demartis in avanti. Suazo è senza Bagaglini, Cappai e Agostinelli e sceglie l'attacco senior con Odianose alle spalle di Cappai e Gjuci, centrocampo e difesa confermati dalla gara con l'Arzachena con Bigotti in porta e Manis che resta in panchina. Gara piacevole fin dai primi minuti. Al 2' Geroni manda sulla corsia di sinistra Kujabi, cross basso sul primo palo con Demartis che cerca il tocco vincente ma viene contratto in angolo. Sugli sviluppi del quale, la parabola tagliata di Demartis crea problemi fino al tentativo di Nurchi respinto dalla difesa. Poco dopo lo stesso attaccante si libera al tiro ma allarga troppo il diagonale. Al 10' accelerazione di Cadau che serve Loi giunto a rimorchio, cross all'indietro per Demartis che cerca di chiudere col piatto ma allarga la battuta. Poco dopo illuminante lancio di Demartis per Nurchi che non riesce con l'aggancio della palla davanti a Bigotti. Il Carbonia risponde al 13' con Odianose che aggancia l'assist di Piredda e spara col collo destro a fil di palo. Dopo un sinistro angolato di Nurchi, al 20' Demartis tenta la prodezza da calcio d'angolo, traiettoria a rientrare verso il palo lungo ma interviene Odianose di testa salvando la propria porta. La squadra di Suazo non sta a guardare e al 25' punge con la verticalizzazione di Piredda per Gjuci che cerca di eludere l'uscita bassa di Vandelli guadagnando solo l'angolo. Al 27' un lungo lancio di Demartis mette in moto Nurchi fermato fuori area dall'uscita di Bigotti, poi l'attaccante non riesce a controllare la sfera alzatasi in campanile. Scavallata la mezzora di gioco il Muravera ha la possibilità di sbloccare la gara: sulla punizione battuta da Demartis, la palla respinta giunge ai sedici metri a Pinna che stoppa col petto e calcia in porta, tocco di mano di Piras per il calcio di rigore, sul dischetto ci va Pinna che spiazza Bigotti ma angola troppo la battuta cogliendo la base del palo. Altro errore per l'ex Latte Dolce dopo quello col Nola. Il Carbonia capitalizza lo scampato il pericolo, al 40' Odianose ci prova da oltre i 25 metri, siluro col destro disinnescato da Vandelli con un colpo di reni. I sulcitani segnano al 42', cross dalla destra di Piredda, Vandelli si distende in presa ma non trattiene e Gjuci insacca a porta vuota. Prima del riposo altro brivido in area gialloblù, sulla punizione di Piredda e la presa non riuscita da Vandelli non ne approfitta Russu. scende d'improvviso e scheggia l'incrocio dei pali. Al 3' cross da sinistra di Fredrich con Gjuci che si avvita per colpire di testa ma Vandelli vola e manda in angolo. Prime mosse dalle panchine. Loi manda in campo Virdis per Visconti con Cadau che passa in difesa e Sauzo inserisce Palombi per Odianose. Il Muravera coglie il pari al 13', Nurchi sfonda a sinistra, palla lungo la linea del limite dell'area raccolta da Kujabi che la manda sotto l'incrocio dei pali. Il ritrovato equilibrio si spezza al 18' quando, sul calcio d'angolo del Carbonia, Vandelli avvia la ripartenza mettendo in moto Loi, palla a Nurchi che arriva in area, sterzata improvvisa, Fredrich lo stende sotto gli occhi di Esposito che indica il dischetto ed espelle Fredrich per proteste. Virdis spiazza Bigotti e riscatta l'errore di Pinna e il suo errore dagli undici metri col Cassino. I gialloblù potrebbero triplicare al 22' quando Pinna appoggia palla a Geroni, sinistro di prima intenzione con palla che colpisce il palo interno ma non entra in porta. Suazo manda in campo Masino e Serra per Isaia e Tetteh. Il Carbonia reagisce e, pur con l'uomo in meno, chiude gli avversari nella propria metà campo. Dentro Masia per Demartis. Al 35' Nurchi chiude i conti: l'attaccante parte a sinistra, entra in area e dal vertice fa partire un destro a giro, la palla scavalca Bigotti e si insacca sotta la traversa. Grande prodezza del mini bomber al 9° gol e prossimo alla doppia cifra. Muravera vicina al poker con Virdis che, servito in area da Masia, si gira e calcia col destro ma Bigotti in tuffo manda in angolo. Non accade altro se non il secondo cartellino rosso per il Carbonia, se lo becca Cestaro per una parolina di troppo che l'arbitro Esposito non lascia correre. Il Muravera mantiene vivo l'obiettivo dei playoff e si giocherà il tutto per tutto nello scontro diretto in casa della Nocerina. Poi ci sarà il recupero a Latina e la sfida interna con l'Insieme Formia. Sette giorni di fuoco. Fonte: sardegna.diariosportivo.it

MdA