27 Febbraio 2022 15:05
Serie D (girone H) | Giornata 26
Primo tempo: 0-1
Gravina
0
0 : 1
Casertana
1
Risultato Finale
Commento partita

GRAVINA (4-1-4-1): Mascolo; Dimodugno (73’ Galardi), Kharmoud, Giglio, Chiaradia, Gilli, Scalisi (82’ Macario), Borgia (57’ Krastevski), Diop, Tuninetti (77’ Scalera), Tommasone (85’ Bruno). A disposizione: Vicino, Sgambati, Scalera, Rechichi, Macario, Bruno, Galardi, Leigh, Krastevski. All.: Somma.

CASERTANA (4-3-3): Carotenuto; Salto, Vacca (83’ Feola), Vicente, Mansour (89’ Rainone), Kosovan (86’ Carannante), Monti, Munoz, Maresca (66’ D’Ottavi), Favetta (86’ Diaz), Colacicchi. A disp.: Trapani, Rainone, Felleca, Rossi, Feola, Cusumano, D’Ottavi, Carannante, Diaz. All.: Feola.

ARBITRO: Marco Peletti della sezione di Crema (1° assistente: Roberto Maroni della sezione di Fermo; 2° assistente: Massimiliano Moretti della sezione di San Benedetto del Tronto)

MARCATORE: 30' Vacca

NOTE. Ammoniti: Vicente, Maresca, Scalisi; Recuperi: 1’ pt, 5’ st.


Falchetti subito vicini al vantaggio al quarto minuto con Favetta, che riceva palla in area di rigore spalle alla porta, riesce a girarsi nonostante la carica di un avversario e prova una conclusione che termina di poco alta sopra la traversa. Spingono i rossoblù, pericolosi al diciottesimo con un tiro rasoterra di Vacca parato dall’estremo difensore locale Mascolo. Al 21′ squillo offensivo dei gialloblù con una conclusione di Chiaradia che viene respinta da Carotenuto. Alla mezz’ora la Casertana sblocca l’incontro grazie alla rete di Raffaele Vacca sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Prova a rispondere la squadra di Summa, con un tiro di Chiaradia che termina alto sopra la traversa.

Nella ripresa la Casertana non accusa cali di concentrazione, anzi la compagine di Vincenzo Feola sfiora il raddoppio prima con Vicente e poi con il subentrato D’Ottavi, in entrambe le circostanze bravo il portiere del Gravina Mascolo a respingere le rispettive conclusioni. Al 75′ il Gravina prova ad affacciarsi in avanti con Diop, attento Carotenuto a bloccare la sfera in due tempi. Nel finale di gara i padroni di casa sfiorano il pareggio con Giglio, che dopo essersi fatto ribattere dalla barriera rossoblù un calcio di punizione, si ritrova il pallone tra i piedi e lascia partire una conclusione che accarezza il palo della porta difesa da Carotenuto per poi spegnersi sul fondo. È l’ultima emozione della sfida, con il triplice fischio finale dell’arbitro Peletti che sancisce la prima vittoria in trasferta per Feola alla guida dei falchetti.

Fonte: ilcorrieredelpallone.it

MdA