06 Ottobre 2021 15:00
Primo tempo: 1-0
Città di Fasano
1
1 : 0
Mariglianese
0
Risultato Finale
Video Partita
C. di Fasano-Mariglianese 1-0
Commento partita

S CITTÀ DI FASANO: Suma, Del Col, Taddeo (17'st D'Addabbo), Bernardini, Capomaggio, Camara, Battista (10'st Richella), Lucchese, Calabria (25'st Assoumani), Corvino (41'pt Calemme), Forbes A disposizione: Ceka, Mucedero, Colabello, Sibilia, Losavio. All. Mosca

MARIGLIANESE: Maione, Peluso (37'st Prevete), De Angelis, Sannia (12'st Aracri), Varchetta, Tommasini, Liberti (1'st Esposito F.), Langella, Esposito G., Massaro (27'st Di Dato), Onesto (1'st De Martino) A disposizione: Cafariello, Fiorillo, Palumbo, Orlando. All. Sanchez

Arbitro: Drigo di Portogruaro

Reti: 13'pt Lucchese (F)

NOTE: Ammoniti: De Angelis (M), Esposito G. (M), Sannia (M), Capomaggio (F), D'Addabbo (F), Richella (F). Rec. 2'pt; 4'st

Fasano - Con una vittoria di misura sulla matricola Mariglianese, il Fasano porta a casa il primo scontro-salvezza della stagione e lo fa dinanzi al proprio pubblico, tornato finalmente a incitare i propri beniamini e a spingerli fino al raggiungimento dell'obbiettivo.

LA CRONACA

A decidere la quarta giornata di campionato di Serie D è stato Ciro Lucchese al 13' del primo tempo, al suo primo gol con la maglia biancazzurra (seppur per l'occasione il Fasano abbia indossato la divisa rossa) e il gol non è di certo tra i più banali: grande botta di destro da 30 metri del centrocampista ex Altamura che piega i guantoni a Maione.
È subito 1-0 per i padroni di casa e la gara si ben dispone per Corvino e compagni, letteralmente padroni del campo per tutto il primo tempo.

Decisamente timida la Mariglianese, poco propositiva e catenacciara, preda facile di un Fasano che ha creato tanto e che ha sfruttato al massimo i palleggiatori in squadra come Bernardini e Lucchese che ben hanno imbeccato le scorribande di Corvino, autore di un grandissimo primo e unico tempo dato che un infortunio ha costretto il fantasista leccese a lasciare il campo al 41' del primo tempo.
Lo stesso Corvino al 20' è andato vicinissimo al raddoppio con un tiro-cross insidiosissimo e che Maione ha accompagnato fuori solo con lo sguardo e con una preghiera all'aldilà.
Il Fasano è un fiume in piena e giganteggia sulla matricola campana: al 33'pt una punizione di Battista dal limite dell'area si stampa sulla barriera ma sulla ribattuta è lesto Taddeo ad avventarsi sul pallone e a calciare. Il suo sinistro però termina di poco a lato.
Al 41'pt l'episodio che cambia il volto alla gara: nel tentativo di uno scatto in contropiede, Corvino si accascia e chiede subito il cambio a causa di un infortunio muscolare. A rilevarlo è Calemme ma il folletto napoletano non brillerà particolarmente.
Il primo squillo, se così si può definire, della Mariglianese arriva soltanto al 44' con un tiro dalla lunga distanza, molto velleitario, di Massaro che termina lontano dallo specchio della porta.

Al ritorno degli spogliatoi i biancazzurri, orfani di Corvino, non riescono ad assorbire la perdita del loro numero 10 e difettano di brillantezza e sicurezza. La Mariglianese se ne accorge e ne approfitta guadagnando campo e prendendo coraggio: due occasioni per gli ospiti firmate dai due Esposito, Francesco e Gennaro, prima con un calcio di punizione e poi con un colpo di testa ma in entrambi i casi Suma è attento e si fa trovare pronto.

Il secondo tempo del Fasano è racchiuso nelle occasioni Calemme: la più clamorosa, al 27'st, quando il numero 18 si presenta a tu per tu con Maione ma si fa ipnotizzare dal portiere campano, poi dieci minuti più tardi, sempre lui, ci riprova con un tiro a giro “alla Insigne” ma la palla termina di poco fuori.
L'ultima emozione della gara è firmata Mariglianese, ancora con Esposito che nei minuti di recupero prova disperatamente a pareggiare la gara ma Suma gli nega ancora una volta la gioia del gol.

Tre punti pesanti per il Fasano, utili non solo per la classifica (quinto posto e 7 punti) ma anche per rafforzare la convinzione delle proprie potenzialità e dei propri mezzi, oltre che per il morale.
Non ci sarà tempo per riposare per i ragazzi di Mosca che già da domani prepareranno la trasferta di domenica prossima sul campo della Virtus Matino.

Fonte: osservatoriooggi.it

MdA