21 Novembre 2021 14:30
Serie D (girone H) | Giornata 12
Primo tempo: 1-0
Casertana
2
2 : 1
Bitonto
1
Risultato Finale
Video Partita
Casertana-Bitonto 2-1
Commento partita

CASERTANA: Trapani; Tufano, Rainone (C), Pambianchi, Monti; Maresca (24’ st Cusumano), Vicente, Vacca (37’ st Carannante); Mansour (46’ st Di Somma), Favetta (27’ st Liccardi), Felleca (24’ st Feola). A disp.: Sarracino, Chinappi, D’Ottavi, Capitano. All. Maiuri

BITONTO: Lonoce; Colella S., Petta, Lanzolla, Colaci; Triarico (27’ st Genchi), Biason (18’ st D’Anna), Manzo, Piarulli (33’ st Mariani); Santoro, Lattanzio (C). A disp.: Martellone, Taurino, Germinio, Montinaro, Radicchio, Guarnaccia. All. De Luca

Arbitro: Fantozzi (Civitavecchia). Assistenti: Rastelli (Ostia Lido) e Romagnoli (Albano Laziale).

Reti: 39’ pt Favetta, 32’ st Liccardi (rig.), 42’ st Mariani

Ammoniti: Felleca, Maresca, Mansour, Vicente (C); Santoro, Lattanzio, Triarico, D’Anna, Lonoce (B). Minuti di recupero: 2 pt – 3 st.

Qualche sorpresa nel Bitonto del “Pinto” di Caserta, almeno in partenza. Mister De Luca, infatti, si affida inaspettatamente al più classico dei 4-4-2, accantonando sia il 4-2-3-1 sia il 4-3-3 visto contro il Bisceglie domenica scorsa, nonché i vari Mariani, D’Anna, Taurino (comunque in panchina) e schierando Lonoce, in porta, con Silvio Colella, Petta, Lanzolla e Colaci davanti al n.1 neroverde. Inedito centrocampo a quattro in linea con Triarico e Piarulli ali, ManzoBiason centrali; il capitano Lattanzio e il cannoniere Santoro a comporre il tandem d’attacco. Prima “distinta” per l’ultimo arrivato Germinio. Out, fra gli altri, Danilo Colella, D’Ancora, Guadalupi, Rimoli e Palumbo.

Mister Maiuri, sull’altra sponda, recupera pedine importanti come Rainone e Vicente (subito schierati titolari), ma deve rinunciare a Roscini e al sempre temibile attaccante ex Casarano, Cerignola e Serie A, Gianluca Sansone. Modulo speculare a quello dei neroverdi, per l’allenatore dei campani: under tra i pali anche in casa Casertana, vale a dire il 2001 Trapani; Tufano, capitan Rainone, Pambianchi e Monti in difesa, da destra verso sinistra. L’ex Vacca, Vicente e Maresca in mezzo al campo, Mansour e Felleca larghi ad innescare bomber Favetta, in gran forma ultimamente…a referto da ben sette partite consecutive.

Ottimo avvio del Bitonto, che vince il canonico sorteggio e si presenta subito (12 secondi) dalle parti di Trapani. Lattanzio serve il concittadino Piarulli sulla sinistra, il mancino del centrocampista andriese è deviata da un difensore casertano, che genera il primo corner della gara sul quale i leoncelli si fanno di nuovo minacciosi davanti a Trapani.
La risposta dei padroni di casa è nelle conclusioni nettamente alte di Favetta e Mansour.
Alla mezzora occasionissima per gli ospiti! Triarico calcia da fuori, Trapani non blocca un tiro secco sì, ma centrale, Santoro si avventa subitaneo sulla respinta tuttavia il suo piattone a botta sicura, con il portiere “fuori servizio”, è deviato in angolo da un provvidenziale tocco casertano a pochi centimetri dalla linea bianca.
Dall’altra parte, Lonoce risponde a Felleca (destro a giro in area) quattro minuti più tardi.
39’: Casertana in vantaggio con l’ottavo gol di fila del capocannoniere del girone H, Ciro Favetta. Otto gol come Ferreira da Luz del Rotonda, per lui. Il 2002 Maresca ubriaca il 2003 Colaci con un dribbling al limite dell’area e calcia – male – verso Lonoce; la respinta dell’estremo difensore bitontino è incerta, simil quella di Trapani nove minuti prima, e il centravanti di Ponticelli è lesto a regalare ai suoi il vantaggio con un tap-in facile facile sul filo del fuorigioco. 1-0.
Manzo e Lattanzio provano a raddrizzarla immediatamente: per loro, una “bomba” alta sulla traversa e un tiro centrale facile preda di Trapani, stavolta sicuro in presa. Manzo ci aveva provato da fuori, senza fortuna, anche in precedenza.
Il primo tempo finisce qui, con la Casertana avanti per una rete a zero.

L’inizio di ripresa è un film già visto al “Pinto” di Caserta…
Quarantesimo secondo di gioco: cross da destra di Triarico per la testa di Lattanzio; incornata troppo precisa per essere letale e traversa piena colpita dal Bitonto, presentatosi di nuovo col giusto piglio sul sintetico casertano.
8’: legno anche per i falchi campani. Assist di Favetta, Mansour a botta sicura ed è il palo a dire di no al n.10 napoletano con Lonoce battuto dal diagonale rasoterra dell’avversario.
Si surriscaldano intanto gli animi in campo tra rossoblù e neroverdi, che al 15’ del secondo tempo contano già tre ammoniti per parte.
Minuto 18: De Luca alza il baricentro della sua squadra con il cambio Biason-D’Anna. Dopo un’insignificante manciata di secondi, il neoentrato si fa ammonire ingenuamente…
27’: Liccardi per lo sblocca-match Favetta, Genchi per Triarico. Bitonto a trazione decisamente anteriore.
29’: Tufano da fuori area col mancino. Palla alta, Lonoce controlla.
31’: il portiere bitontino, in uscita fuori tempo, travolge proprio Liccardi in area. Rigore netto che lo stesso Liccardi trasforma nonostante il tuffo dalla parte giusta del colpevole Lonoce. 2-0.
Poco oltre il 35’, Petta impegna di testa Trapani sugli sviluppi di un corner procurato da Colella, il cui sinistro indirizzato verso lo specchio della porta locale era stato deviato dal muro casertano.
42’: la riapre Mariani! Il classe 2002 subentrato a Piarulli al 33’ colpisce di prima intenzione da fuori area una palla vagante respinta corta dalla retroguardia casertana, ora alle prese con le brutte “gatte da pelare” D’Anna, Santoro, Lattanzio e Genchi. Deviazione netta davanti a Trapani e 2-1.
Lattanzio, un minuto più tardi, quasi non la pareggia con un bel destro al volo deviato in angolo dal giovane portiere di casa, mentre al secondo dei tre minuti di extra time (pochini…) accordati dal sig. Fantozzi di Civitavecchia è Genchi, appostato sul secondo palo, a non inquadrare lo specchio della porta avversaria da buona posizione, su bel traversone tagliato proveniente dalla sinistra.

Non c’è più tempo a disposizione del Bitonto per cercare la rimonta in extremis, dunque finisce 2-1 al “Pinto” di Caserta, una città doverosamente in festa. Dall’altra parte della barricata, un ambiente che mastica amaro, preoccupato dopo tre partite di fila senza vittorie in Campionato. E una squadra che torna in albergo con tanti rimpianti, orfana di un primato temporaneo che ha preso altre strade sotto i suoi occhi, proprio oggi pomeriggio… Fonte: usbitontocalcio.it

MdA