11 Settembre 2022 15:00
Primo tempo: 0-0
Afragolese
1
1 : 2
Cavese
2
Risultato Finale
Commento partita

FRAGOLESE (4-5-1): Provitolo; Manco, Forte, Mansi (90’Caso Naturale), Picascia (66’Aracri); Da Dalt, Esposito A., Cerone, Virgilio (87’Esposito), Romeo (62’Percuoco); Longo. In panchina: Mazzone, Cordato, Aracri, Caso Naturale, Percuoco, Esposito F., Langone, Lippo, Volpicelli. Allenatore: Leonardo Bitetto

CAVESE (4-3-3): Colombo; Anzano, Altobello (4’Fissore), Lomasto, Maffei; Gaeta (62’Salandria), Aliperta (66’Gagliardi), Bezzon; Banegas, Foggia (67’Bubas), Bacio Terracino (83’Munoz). In panchina: Angeletti, Rossi, Salandria, Gagliardi, Bubas, Puglisi, Munoz, D’Amore, Fissore. Allenatore: Emanuele Troise

ARBITRO: Dario Acquafredda di Molfetta

MARCATORI: 52’ Da Dalt (A), 58’ rig. Foggia (C), 80’ Gagliardi (C)

NOTE. SPETTATORI: circa 300 con circa 700 ospiti. AMMONITI: Longo, Manco, Mansi. Bezzon, Fissore, Maffei. ANGOLI: 7-6. RECUPERO: 3pt, 6+1st

All’8’ la conclusione di Bacio Terracino termina fuori di poco. Rispondono i rossoblù prima al 25’ con Cerone (ex Giugliano) che serve al limite dell’area Virgilio il quale calcia alto da buona posizione, e poi al 36’ con Longo che, di testa, conclude tra le braccia di Colombo. Il portiere aquilotto si erge da protagonista al 43’ quando compie un doppio miracolo prima sulla botta ravvicinata di Forte e poi, sul prosieguo dell’azione, sul colpo di testa di Da Dalt che devia in angolo.

Nella ripresa il copione non cambia e l’unica differenza la fanno i gol. Al 48’ Cerone serve Romeo che mette al centro per Longo il quale, di testa, non colpisce il bersaglio, mentre al 51’ l’Afragolese passa: leggerezza di Lomasto, il quale stecca nel retropassaggio di testa per Colombo e permette a Longo di rubare palla e di servire al centro il solo Da Dalt, il quale appoggia comodamente in rete. L’episodio scuote di molto gli aquilotti tanto da trovare subito il pari al 58’. Il tiro mancino di Banegas trova la deviazione di Provitolo sui piedi di Foggia il quale viene atterrato da Forte: calcio di rigore tirato da Foggia il quale spiazza il portiere napoletano.

Il tecnico Troise capisce che la partita è difficile ma non impossibile e quindi basterebbe solo più vivacità nella manovra offensiva e più fisicità: entrano, infatti, Salandria, Gagliardi e Bubas al posto di Gaeta e Aliperta e Foggia. Il gol partita arriva pure ma in modo sorprendente per tutti con un missile dai 30 metri di Gagliardi che non lascia scampo a Provitolo. Il forcing finale dell’Afragolese non produce nessun grattacapo alla retroguardia biancoblù la quale si rafforza con l’ingresso di Munoz al posto di Bacio Terracino e dopo sei, interminabili, minuti di recupero, la Cavese esulta per la sua seconda vittoria consecutiva e divide il primato in classifica con Casarano, Brindisi e Nardò.

Fonte: ilgazzettinovesuviano.com

MdA